Pubblicità in ripresa, ma non per la stampa

In negativo del 7,7% i quotidiani, poco sotto (a quota -6,2%) i periodici. Molto bene invece la radio, con una crescita del 5,4%, ma soprattutto la GoTv, con un boom del +12,3%. Sono i dati del 2017 a confronto con l’anno precedente, anticipati dal quotidiano Italia Oggi sulla base delle stime di Nielsen (e pubblicati sull’edizione del 16 febbraio).
Leggi tutto “Pubblicità in ripresa, ma non per la stampa”

Washington Post e NY Times innovano per rilanciarsi

Da un lato la valorizzazione dei contenuti legati al digitale e l’abbandono del modello commerciale pubblicitario a favore delle entrate dal pagamento di articoli e servizi, dall’altro il cambio di paradigma anche nel lavoro di redazione: sembra stare qui la chiave del rilancio del Washington Post e del New York Times. Leggi tutto “Washington Post e NY Times innovano per rilanciarsi”

Il giornale avrà un futuro se sarà utile

Parola chiave: utilità. Secondo Beppe Severgini, che si interroga sul futuro dell’editoria, i giornali avranno un futuro se sapranno rendersi utili. Il direttore di 7, magazine del Corriere della Sera, manda il suo pezzo in copertina e racconta quello che ha visto negli Stati Uniti e che potrebbe avvenire anche in Italia. Seguiamo il ragionamento che lo porta alla conclusione da noi anticipata. Leggi tutto “Il giornale avrà un futuro se sarà utile”

La crisi dei quotidiani e l’incognita del digitale

Il “Rapporto 2017 sull’industria italiana dei quotidiani in Italia” non colpisce soltanto per i numeri, impietosi quanto ormai diffusi anche in altre sedi e momenti, ma piuttosto per le considerazioni, che in qualche caso si configurano come appelli, riguardanti il mondo dell’informazione nell’universo di Internet governato da pochi colossi mondiali. Il documento, realizzato dall’Associazione stampatori di giornali per l’Osservatorio tecnico “Carlo Lombardi”, affianca alle rilevazioni statistiche le valutazioni sui rischi derivanti dalla progressiva crescita dei flussi informativi non controllati né verificati da redazioni giornalistiche. Ed è sotto questo profilo, soprattutto, che il rapporto ci interessa. Leggi tutto “La crisi dei quotidiani e l’incognita del digitale”

Bacheca oggetti (e giornalismo) smarriti

Hanno dato… i numeri e li hanno associati con molta precisione. Così da sembrare ancora più reali. Peccato che l’unico numero vero (fan più, fan meno) fosse solo quello del pubblico, relativamente verificato: i 225 mila che assiepavano il Modena Park. Gli altri numeri del concerto di Vasco Rossi, riferiti agli oggetti ritrovati al termine dell’evento, si sono rivelati falsi. Leggi tutto “Bacheca oggetti (e giornalismo) smarriti”